• Dott.ssa Valentina Pasin

Affrontare i meltdown - guida del dr. Tony Attwood


Le persone autistiche sono portate ad avere reazioni catastrofiche o meltdown quando sono estremamente stressate, ansiose o frustrate. I meltdown sono crisi che possono essere esternalizzate, con una intensa disperazione che si manifesta con espressioni di rabbia, alle volte con distruzione di oggetti o aggressione di persone. I meltdown possono però anche essere internalizzati, con un intenso senso di colpa e rancore e anche pensieri o anzioni suicidarie o 'attacchi depressivi'.

E' necessario avere un piano per far fronte ad un meltdown, sia esternalizzato che internalizzato, per aiutare la persona a ristabilire pensieri e comportamenti ragionevoli e riguadagnare così il controllo di se'. Ci sono alcune linee guida che possono essere seguite.

La prima linea guida è per i membri della famiglia, che devono restare calmi e parlare solamente riguardo a ciò che la persona può fare per porre rimedio alla situazione e alle emozioni. Una analogia utile, sviluppata per prima da Sue Larkey, è quella di fare come la voce del navigatore GPS di una macchina. La voce automatica non critica gli errori o esprime giudizi sul guidatore, ma in modo semplice e calmo spiega come risolvere la situazione. E' importante durante un meltdown focalizzare l'attenzione su cosa fare, non sui comportamenti inaccettabili.

L'altra linea guida è di non chiedere nulla sulle cause del momento di difficoltà. La persona autistica sta sperimentando emozioni intense e ha bisogno di attraversare e superare queste emozioni, non di ritornare sulla causa originaria del disagio, rivivendo così quei sentimenti, il che potrebbe solo aggiungere profondità e durata alla disperazione. Inoltre, durante un meltdown, la persona autistica avrà grosse difficoltà ad articolare i propri sentimenti o a fornire una spiegazione coerente e sequenziale. Questa ulteriore frustrazione potrà solamente aggiungere, e prolungare, la sofferenza della persona.

E' inoltre saggio focalizzarsi come prima cosa sul ristabilire il controllo emotivo; riferirsi alle conseguenze a cui andrà incontro la persona, aumenterà semplicemente il suo livello di disagio.

Nel considerare l'affetto un meccanismo emotivo di riparazione, come ad esempio attraverso il gesto di un abbraccio, è importante chiedere alla persona se lui o lei si sentirebbe meglio se ricevesse un abbraccio, prima di invadere e violare il suo spazio personale.

E' importante infine riconoscere e validare la profondità della sofferenza provata dalla persona e spiegare che gli intensi sentimenti che sta provando alla fine passeranno. Alle volte dare accesso all'interesse speciale può agire come un bloccante efficace di pensieri o 'interruttore di spegnimento', facilitando il ritorno all'auto-controllo.

Trad. ita da: https://attwoodandgarnettevents.com/2019/06/27/coping-with-meltdowns-by-professor-tony-attwood-clinical-psychologist/?fbclid=IwAR0jNHAopMuqDKRluS_PudI2tT5YQQ8BDvC40zrATVmaxUdZDF_A34i-M6o


0 visualizzazioni

© 2023 by Name of Template. Proudly created with Wix.com
 

RESTA CONNESSO CON NOI

via San Vincenzo, 53

36016 

Thiene (VI)

ITALY

ORARI DI APERTURA

Si riceve solo su appuntamento.

 

Per fissare un incontro, chiamare il numero di telefono fisso indicato qui accanto oppure mandare una email a gruppoempathie@gmail.com

LUNEDì - VENERDì

09:00 AM - 07:00 PM

INDIRIZZO

TELEFONO POLIAMBULATORIO SAN GAETANO 

(+39) 0445 372205
(+39) 0445 382422

TELEFONO SEDE GRUPPO EMPATHIE

contatti